BLOG di Massaggio IT

OLI ESSENZIALI: cosa sono, come prepararli a casa, quali benefici hanno

OLI ESSENZIALI: COSA SONO E COME AGISCONO DURANTE UN MASSAGGIO

Gli oli essenziali sono chiamati così perché estraggono l'essenza delle piante che la producono talvolta come scarto. Ciò che per le piante non è necessario trattenere per noi risulta gradevole all'olfatto e utilissimo a creare benessere in quanto sono moltissimi i benefici di cui poterne apprezzare le caratteristiche (ma lo approfondiremo poi). Gli oli essenziali sono fondamentali in alcuni tipi di massaggi. Il massaggio che utilizza il potere di questi oli è chiamato aromamassaggio. Essendo eseguito con oli essenziali, il beneficio non sta solo nel trattamento manuale ma si moltiplica in forza delle essenze sprigionate che penetrano nella pelle. 

CARATTERISTICHE DEGLI OLI ESSENZIALI

Possono essere creati con moltissime piante diverse, come la lavanda, la menta, l'iperico, la calendula e persino il rosmarino. Le piante utilizzate, tra cui quelle elencate, rappresentano una grande fonte di benefici. Ogni pianta ha diverse caratteristiche e diverse particolarità che li rendono non solo adatti ai massaggi (sia per facilitare i movimenti che per nutrire la pelle) ma anche ad essere utilizzati in caso di ustioni, eruzioni cutanee e problemi dermatologici. Con le stesse piante da cui si ricavano gli oli si possono fare anche delle ottime tisane! Un esempio veloce che non vi aspettereste è la tisana al rosmarino. Il rosmarino è conosciuto worldwide come la pianta del buonumore. E' incredibile quanto sia vero. Se vi siete svegliati con la luna storta è decisamente quello che vi ci vuole, mentre se avete un pò di mal di gola potete utilizzare le foglie di melograno in un decotto con un pò di miele. Sono tantissimi i benefici e le varietà di piante esistenti e vi consiglio di scoprirne quanti più potete, possono davvero cambiare il vostro modo di prendervi cura di voi stessi. E' fondamentale che l'olio venga realizzato con cura e in maniera totalmente naturale. Ecco perché voglio consigliarvi come trasformare una necessità in passione.

OLI ESSENZIALI: COSA SONO E COME AGISCONO DURANTE UN MASSAGGIO

Gli oli essenziali sono chiamati così perché estraggono l'essenza delle piante che la producono talvolta come scarto. Ciò che per le piante non è necessario trattenere per noi risulta gradevole all'olfatto e utilissimo a creare benessere in quanto sono moltissimi i benefici di cui poterne apprezzare le caratteristiche (ma lo approfondiremo poi). Gli oli essenziali sono fondamentali in alcuni tipi di massaggi. Il massaggio che utilizza il potere di questi oli è chiamato aromamassaggio. Essendo eseguito con oli essenziali, il beneficio non sta solo nel trattamento manuale ma si moltiplica in forza delle essenze sprigionate che penetrano nella pelle. 

CARATTERISTICHE DEGLI OLI ESSENZIALI

Possono essere creati con moltissime piante diverse, come la lavanda, la menta, l'iperico, la calendula e persino il rosmarino. Le piante utilizzate, tra cui quelle elencate, rappresentano una grande fonte di benefici. Ogni pianta ha diverse caratteristiche e diverse particolarità che li rendono non solo adatti ai massaggi (sia per facilitare i movimenti che per nutrire la pelle) ma anche ad essere utilizzati in caso di ustioni, eruzioni cutanee e problemi dermatologici. Con le stesse piante da cui si ricavano gli oli si possono fare anche delle ottime tisane! Un esempio veloce che non vi aspettereste è la tisana al rosmarino. Il rosmarino è conosciuto worldwide come la pianta del buonumore. E' incredibile quanto sia vero. Se vi siete svegliati con la luna storta è decisamente quello che vi ci vuole, mentre se avete un pò di mal di gola potete utilizzare le foglie di melograno in un decotto con un pò di miele. Sono tantissimi i benefici e le varietà di piante esistenti e vi consiglio di scoprirne quanti più potete, possono davvero cambiare il vostro modo di prendervi cura di voi stessi. E' fondamentale che l'olio venga realizzato con cura e in maniera totalmente naturale. Ecco perché voglio consigliarvi come trasformare una necessità in passione.

OLI ESSENZIALI HomeMade: COME PREPARARLI A CASA DA SOLI

Per avere la certezza di utilizzare un buon prodotto, anzi un ottimo prodotto, o dovete spendere moltissimi soldi e comprarlo già pronto e anche bio, oppure potete continuare a leggere e vi dirò come realizzarlo a casa anche se non siete dei chimici specializzati. Il processo è molto semplice se detto in due parole: bisogna far bollire le piante scelte, condensare il vapore e avrete ottenuto il vostro olio. Questo metodo è chiamato "distillazione a vapore". La tecnica della distillazione in corrente di vapore viene utilizzata per estrarre gli oli essenziali dalle piante meno sensibili al calore. Si utilizzano piante fresche, in modo tale che gli oli non vengano alterati dalla conservazione. Gli oli risultano facilmente trascinabili dal vapor acqueo nonostante il loro alto punto di ebollizione (150-300 °C). Il prodotto ottenuto è una miscela di acqua e composti organici, che possono essere separati con facilità. 

FAI DA TE: OLIO ESSENZIALE DI ROSA E DI ROSMARINO

Gli oli essenziali più usati e più efficaci per i massaggi sono tantissimi. Ve ne elenco alcuni: olio di rosa, olio di rosmarino, olio di lavanda, olio di sandalo, olio di limone, olio di vaniglia, olio di eucalipto, olio di menta peperita, ecc... Ognuno di questi ha delle caratteristiche interessanti e diverse qualità, ma oggi vi insegnerò come creare solo due di questi oli. Vi suggerisco il metodo a freddo fai da te, ma prima di questo voglio parlarvi degli oli essenziali che ho scelto per voi: olio essenziale di rosa e di rosmarino.

L'olio essenziale di rosa è amatissimo dalle donne, è il profumo femminile e romantico per eccellenza. Uno dei motivi può risiedere nelle sue proprietà rasserenanti, ansiolitiche e antidepressive, ma anche afrodisiache. Oltre a tutte queste qualità positive sullo spirito, l’olio essenziale di rosa è favoloso per la pelle di viso e corpo: è antietà, antiossidante, rigenerante, perciò perfetto per le pelli non più giovani. Ottimo in abbinamento con l’olio di cocco o col burro di karité. Una sola raccomandazione: non è indicato durante la gravidanza.

L'olio essenziale di rosmarino è molto efficace per purificare e detossinare, ma anche per lenire e sciogliere le tensioni. Ottimo per massaggi al cuoio capelluto, in caso di forfora o prurito, si presta bene anche per trattare la pelle impura di viso e corpo. Contemporaneamente, è rasserenante a livello mentale.

COME SI REALIZZANO? SCOPRIAMOLO INSIEME!

Olio essenziale fai da te: il metodo a freddo
Per preparare l’olio essenziale in casa, innanzitutto scegliete come base un olio vegetale, come quello d’oliva, di mandorla (più adatto a essere applicato sulla pelle) o di germe di grano. È importante, poi, utilizzare solo erbe biologiche o fiori privi di pesticidi. Raccogliete, preferibilmente al mattino presto, una tazza da 250 ml di erbe e fiori freschi. Mettete in un busta di plastica le foglie e i fiori raccolti, lavati e ben asciugati con carta assorbente; chiudetela e schiacciante lievemente con un pestello di legno o un mattarello. Questa operazione serve a far uscire l’olio dalle parti aeree della pianta. Subito dopo metteteli in un grande barattolo di vetro, con la bocca larga e il tappo di sughero, insieme a 250 ml dell’olio vegetale da voi scelto. Mettete il barattolo in un luogo tiepido e non a diretto contatto con il sole, per 24-48 ore, durante le quali le piante cederanno il loro aroma. Filtrate poi con l’aiuto di una garza di cotone. Per rafforzare la fragranza e la concentrazione dell’olio si possono aggiungere all’olio così ottenuto altre erbe e fiori trattate nel medesimo modo sopra descritto, lasciare a riposo per altre 24-48 ore e filtrare nuovamente.

Grazie per averci letto fino a qui! Continua a seguirci sul nostro blog di MassaggioIT. Lascia un commento e condividi con i tuoi amici questo articolo se ti è piaciuto! A presto.

Per avere la certezza di utilizzare un buon prodotto, anzi un ottimo prodotto, o dovete spendere moltissimi soldi e comprarlo già pronto e anche bio, oppure potete continuare a leggere e vi dirò come realizzarlo a casa anche se non siete dei chimici specializzati. Il processo è molto semplice se detto in due parole: bisogna far bollire le piante scelte, condensare il vapore e avrete ottenuto il vostro olio. Questo metodo è chiamato "distillazione a vapore". La tecnica della distillazione in corrente di vapore viene utilizzata per estrarre gli oli essenziali dalle piante meno sensibili al calore. Si utilizzano piante fresche, in modo tale che gli oli non vengano alterati dalla conservazione. Gli oli risultano facilmente trascinabili dal vapor acqueo nonostante il loro alto punto di ebollizione (150-300 °C). Il prodotto ottenuto è una miscela di acqua e composti organici, che possono essere separati con facilità. 

FAI DA TE: OLIO ESSENZIALE DI ROSA E DI ROSMARINO

Gli oli essenziali più usati e più efficaci per i massaggi sono tantissimi. Ve ne elenco alcuni: olio di rosa, olio di rosmarino, olio di lavanda, olio di sandalo, olio di limone, olio di vaniglia, olio di eucalipto, olio di menta peperita, ecc... Ognuno di questi ha delle caratteristiche interessanti e diverse qualità, ma oggi vi insegnerò come creare solo due di questi oli. Vi suggerisco il metodo a freddo fai da te, ma prima di questo voglio parlarvi degli oli essenziali che ho scelto per voi: olio essenziale di rosa e di rosmarino.

L'olio essenziale di rosa è amatissimo dalle donne, è il profumo femminile e romantico per eccellenza. Uno dei motivi può risiedere nelle sue proprietà rasserenanti, ansiolitiche e antidepressive, ma anche afrodisiache. Oltre a tutte queste qualità positive sullo spirito, l’olio essenziale di rosa è favoloso per la pelle di viso e corpo: è antietà, antiossidante, rigenerante, perciò perfetto per le pelli non più giovani. Ottimo in abbinamento con l’olio di cocco o col burro di karité. Una sola raccomandazione: non è indicato durante la gravidanza.

L'olio essenziale di rosmarino è molto efficace per purificare e detossinare, ma anche per lenire e sciogliere le tensioni. Ottimo per massaggi al cuoio capelluto, in caso di forfora o prurito, si presta bene anche per trattare la pelle impura di viso e corpo. Contemporaneamente, è rasserenante a livello mentale.

COME SI REALIZZANO? SCOPRIAMOLO INSIEME!

Olio essenziale fai da te: il metodo a freddo
Per preparare l’olio essenziale in casa, innanzitutto scegliete come base un olio vegetale, come quello d’oliva, di mandorla (più adatto a essere applicato sulla pelle) o di germe di grano. È importante, poi, utilizzare solo erbe biologiche o fiori privi di pesticidi. Raccogliete, preferibilmente al mattino presto, una tazza da 250 ml di erbe e fiori freschi. Mettete in un busta di plastica le foglie e i fiori raccolti, lavati e ben asciugati con carta assorbente; chiudetela e schiacciante lievemente con un pestello di legno o un mattarello. Questa operazione serve a far uscire l’olio dalle parti aeree della pianta. Subito dopo metteteli in un grande barattolo di vetro, con la bocca larga e il tappo di sughero, insieme a 250 ml dell’olio vegetale da voi scelto. Mettete il barattolo in un luogo tiepido e non a diretto contatto con il sole, per 24-48 ore, durante le quali le piante cederanno il loro aroma. Filtrate poi con l’aiuto di una garza di cotone. Per rafforzare la fragranza e la concentrazione dell’olio si possono aggiungere all’olio così ottenuto altre erbe e fiori trattate nel medesimo modo sopra descritto, lasciare a riposo per altre 24-48 ore e filtrare nuovamente.

Grazie per averci letto fino a qui! Continua a seguirci sul nostro blog di MassaggioIT. Lascia un commento e condividi con i tuoi amici questo articolo se ti è piaciuto! A presto.

Postato il: , Fonte:

Siti Partner